Mezzalira Francesco

Naturalista, docente di scienze naturali al Liceo G.B.Brocchi di Bassano del Grappa, studioso di iconografia zoologica e botanica.

Francesco Mezzalira, nato a Milano nel 1960, ha conseguito la maturità classica presso il Liceo “Antonio Pigafetta” di Vicenza e la laurea (con 110/110) in Scienze Biologiche all’Università di Padova.

Vincitore di Concorso Ordinario, ha insegnato Geografia e Biologia all’Istituto Tecnico Industriale “Enrico Fermi” di Bassano del Grappa dal 1987 al 1996 e dal 1996 è insegnante di Scienze Naturali al Liceo “Giambattista Brocchi” di Bassano del Grappa.

I suoi interessi principali sono rivolti a: osservazione naturalistica, divulgazione scientifica, macrofotografia, iconografia zoologica, storia della scienza, rapporti arte-scienza, tutela ambientale.

E’ autore, con Alberto Girardi, del volume Il Lago e le Valli di Fimon (Publigrafica editrice, Vicenza, 1991), vincitore del Premio Gambrinus 1992. Nel 2009 ha pubblicato una breve monografia sulla storia dell’evoluzionismo.

Da diversi anni F.M. raccoglie materiali e documentazione (testi, articoli, riproduzioni) sulla storia dell’iconografia naturalistica, argomento sul quale ha tenuto un seminario presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova nel Novembre 1986, e successivamente diverse conferenze a Vicenza, Verona, Venezia, Treviso, Legnano, Bassano, Marostica, Villorba, Crespano, Valdagno.

Nel 1998 ha curato presso il Liceo Sperimentale “G.B.Brocchi” di Bassano la mostra “Lo studio delle piante e l’illustrazione botanica” in collaborazione con la Biblioteca Civica di Bassano del Grappa.

Nel 2000 ha realizzato per il Museo Civico di Bassano ed il Liceo “G.B.Brocchi” la mostra ed il relativo catalogo “dilucidare l’antica storia del globo”: Giambattista Brocchi nella storia della paleontologia, esposta a Palazzo Agostinelli di Bassano.

Sul tema dell’iconografia scientifica ha pubblicato un saggio sulla storia dell’illustrazione zoologica dalle origini al Cinquecento (Bestie e bestiari: la rappresentazione degli animali dall’Antichità al Rinascimento, ed. Allemandi, Torino, 2001), frutto di un lungo lavoro di ricerca, e una monografia sulla zooiconologia (Le immagini degli animali tra scienza, arte e simbolismo, Angelo Colla editore, 2013).

Nel 2006 ha curato l’iconografia e le note zoologiche per il saggio Bestiario lacaniano (Miguel Gomez Ediciones, Malaga, 2006) di Erminia Macola e Adone Brandalise, successivamente edito in Italia nel 2007 (Bestiario lacaniano, Bruno Mondadori editore, Milano).

Nel 2007 ha contribuito alla realizzazione di una mostra sul tema delle rappresentazioni delle Rose nell’illustrazione e nell’arte (esposta a Bassano del Grappa, Villa Giusti).

Per il libro Flora delle Prealpi vicentine (attiliofraccaroeditore, Bassano del Grappa, 2009) di Mario Busana e Antonio Rossetto ha scritto l’articolo L’illustrazione delle piante officinali dalle origini a Linneo.

Insieme a Francesco Zambon ha tenuto una conferenza sui bestiari medioevali presso l’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti a Venezia nel febbraio 2015.

Nel 2017 ha pubblicato in tiratura limitata una breve monografia zooiconologica: L’elefante di Santa Corona in Vicenza e i suoi parenti.

Per la Biblioteca Internazionale “La Vigna” di Vicenza a pubblicato l’e-book L’illustrazione delle piante officinali. Una introduzione storica (2017).

Attualmente ha in preparazione una monografia sull’illustrazione zoologica nel Seicento e una storia dei viaggi scientifici (Viaggi e scienza. Esploratori della Terra e della biodiversità), quest’ultima con pubblicazione prevista nel 2019.

Iscriviti alla Newsletter!

Email

PARTNER REALIZZATORI DEL FESTIVAL
PLATINUM PARTNERS
MEDIA PARTNER